ARMONIZZAZIONE MODALE

PENTATONICHE MODALI
1 Dicembre 2014
ARMONIA QUARTALE
2 Dicembre 2014
Show all

“Armonizzare” significa sovrapporre più suoni per formare un’armonia. L’armonia moderna, quella per intenderci di derivazione jazzistica, che fa ricorso agli accordi espressi attraverso le sigle, guarda agli accordi come a entità autosufficienti, meno interessate ad essere definite chiaramente dal punto di vista funzionale, ma considerate esclusivamente sulla base delle note che li compongono. Così non è importante tanto la disposizione che queste note assumono al loro interno (il voicing) quanto piuttosto definire quale nota si trova al basso. Questo approccio “contrappuntistico-modale” distingue essenzialmente tra accordi allo stato fondamentale, rivolti e slash chords.
Immaginando un contesto modale voglio ora andare ad analizzare cosa succede sovrapponendo i suoni di una scala a una nota fondamentale mantenuta fissa al basso.
Per il primo esempio ho preso in considerazione una scala ionica, primo modo della scala maggiore, costruita per semplicità a partire da C. A questa ho sovrapposto una alla volta le sette triadi diatoniche.
Sulla chitarra questo è quello che otteniamo:

 
Nell’ottica modale è la nota al basso a definire il nome da dare all’accordo ottenuto ad ogni verticalità. Per questo motivo, se gli slash chords permettono di indicare ognuno di questi gruppi armonici come Dm/C, Em/C, ecc.., non viene però indicato il rapporto di queste note rispetto alla fondamentale.
Escludendo la triade sul I che ovviamente non si può far altro che indicare come tale, le triadi che contengono la nota C (cioè quelle su IV e VIm) passano semplicemente in rivolto (F/C = F64 e Am/C = Am63), mentre nel caso delle triadi IIm e IIIm in entrambi i casi le tre note definiscono insieme alla fondamentale un accordo di settima (Dm/C = Dm2 e Em/C = C73).[1]
Le triadi che a questo punto rimangono sono quella sul V e VII. L’accordo nel primo caso, oltre che essere indicato come G/C, può anche essere visto come Cma9, senza però la terza. Anche in questo secondo caso, nonostante sia formato da una triade sospesa (C-D-G), la presenza della settima maggiore conferisce all’accordo un carattere maggiore.
Infine l’accordo costruito con la triade diminuita del VII grado, estremamente tensivo data la presenza del tritono (B-F) al suo interno, dal momento che non contiene né terza né quinta della scala può solo essere indicato come VII/R.[2]
In sintesi:
 

Accordo Risultante

Estensioni

Note in comune [*]

I/R

= I / /

IIm/R

= II2 9, 11, 13 0

IIIm/R

= I7 7

2

IV/R = IV64 11, 13

1

V/R

= V/T (= Ima9no3) 7, 9 1
VIm/R = VI63 (= I6) 13

2

VII°/R = VII/T 7, 9, 11

0

[*] Rispetto alla triade sul I grado.
L’esempio precedente può naturalmente essere trasportato in altre posizioni del manico, ad esempio con la fondamentale sulla sesta corda.

 
Così facendo è possibile aggiungere verso l’acuto qualche altra triade rimanendo sempre nello stesso box:

 
In questo modo tutto quello che suoniamo rimane entro il modo di C ionico. Per spostare la sonorità ad un differente modo di C maggiore basterà mettere al basso un altro grado della scala sovrapponendogli le stesse triadi.
________________________________
[1] I numeri associati alle sigle sono in questo caso quelli utilizzati dall’armonia tradizionale per indicare la struttura dell’accordo e dunque non definiscono la qualità (maggiore o minore) degli intervalli.
[2] Utilizzo la lettera R per indicare la fondamentale del modo, riprendendo dall’inglese root.